Questo sito fa uso di cookie propri per migliorare la tua esperienza di navigazione e di terze parti per inviarti messaggi promozionali in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni e modificare le impostazioni dei cookie, clicca qui;. Se clicchi sul tasto “OK” o se prosegui nella navigazione accetti l’uso dei cookie.

lingua:

Biografia

La storia di Elisabetta Franchi, anima del brand omonimo, è la storia di una donna che è riuscita a conquistare l’universo femminile grazie al suo stile e alla sua creatività: un mix di grande passione, di studio scrupoloso del prodotto e di un’assoluta dedizione al lavoro. Il percorso creativo della maison ha origine a Bologna, città in cui Elisabetta Franchi nasce nel 1968, nella quale la designer studia - all’Istituto Aldrovandi Rubbiani. Nel 1996 la designer apre un piccolo atelier, dove comincia a dare forma alle sue idee e a realizzare i primi capi, con appena 5 collaboratori (oggi sono oltre 200). Artefice di un perfetto pret à porter Made in Italy che deve il suo grande successo allo stile e alla particolare strategia produttiva fatta di qualità, eccellenza e cura dei particolari: così, in poco più di un decennio, il brand Elisabetta Franchi diventa un fenomeno dell’ultima generazione di moda.
page_img1
L’azienda guidata da Elisabetta Franchi ha raggiunto circa 112 milioni di euro di ricavi nel 2014, forte di una distribuzione capillare in tutto il mondo (con oltre 1100 multimarca e 66 store monomarca). A conferma del posizionamento raggiunto sul mercato, la designer sceglie di sfilare in passerella per la Milan Fashion Week con la collezione Spring Summer 2015, evento che attribuisce ancora più immagine e notorietà al marchio. Schierata sul fronte animalista, Elisabetta Franchi si è sempre impegnata per conciliare la propria passione alla mission aziendale. Inizia così nel 2012, con il lancio della Fall Winter 2012-2013, la collaborazione con LAV: aderendo al Fur Free Retail Program, Betty Blue elimina definitivamente la pelliccia animale dalla produzione. Un impegno che prosegue con l’eliminazione della piuma vera e della lana d’angora, bandite nel 2014, e con l’adesione al programma Animal Free, promosso da LAV con il lancio delle collezioni FW15-16. E’ del 2013 il progetto “Dog Hospitality”, con cui la designer decide di aprire le porte dell’azienda ai quattro zampe, permettendo ai dipendenti di portare gli animali sul luogo di lavoro. Nel 2015, viene inaugurata la collezione “EF loves dogs”, una serie di prodotti dedicati agli animali, il cui ricavato viene devoluto interamente ad associazioni di volontariato che si occupano di difesa e tutela degli animali abbandonati.
page_img1