INTERVISTA GLAMOUR ITALIA, SETTEMBRE 2018

In occasione dell’inaugurazione della sua nuova Boutique a Madrid, Elisabetta Franchi ci parla della sua lotta per i diritti degli animali.

Glamour: Alla fine della tua ultima sfilata sei salita in passerella insieme ai tuoi figli con manifesti contro il maltrattamento degli animali, come ti é venuta in mente questa idea?

Elisabetta: Volevo approfittare del momento molto importante che e´ la settimana della moda di Milano per lanciare un messaggio forte e rendere partecipe tutta la mia famiglia.

Glamour: Como si e´ evoluta la tua lotta per i diritti degli animali?

Elisabetta: E’ un tema che e’ sempre stato molto importante per me pero’, da quando iniziai a lavorare on la LAV (un’associazione animalista) mi sono resa conto sempre più della necessita´ di smettere di utilizzare pelli animali.

Glamour: hai diversi progetti relazionati al tema della difesa degli animali, in che consistono?

Elisabetta: Da tempo orami in ufficio tutti i miei collaboratori possono venire con i propri animali. Io ho otto cani (tutti adottati) che vengono guardati e curati mentre io sono a lavoro pero´ non tutte e persone hanno questa possibilità, per cui ho pensato che fosse una soluzione pratica per tutti. Collaboro inoltre con diverse associazioni per lottare contro il Festival di Yulin in Cina

Glamour: Cosa credi possa fare l’industria della moda per sensibilizzare ulteriormente la gente rispetto a queste tematiche?

Elisabetta: Il mondo della moda può aiutare tantissimo. Le donne che comprano Elisabetta Franchi conoscono la nostra filosofia. Vi e´ancora gente nel mondo della moda che ancora non hanno preso posizione sul tema pero’, devo dire, che quando iniziai ero l’unica, con il tempo pero’ sempre più stilisti hanno abbracciato questa filosofia (Hugo Boss, Versace, Gucci, Armani…) Fortunatamente stiamo vedendo una evoluzione.